lunedì 14 aprile 2014

Nanni Balestrini

15/4/2014

FONDAZIONE MARCONI, MILANO

Dominare il visibile. In mostra due nuclei di lavori recenti realizzati dall'artista, poeta e romanziere. Il ciclo "I maestri del colore" riprende in chiave inedita quadri famosi, i collages della serie dei "Neri" ricombinano frammenti decostruiti della comunicazione mediatica.

COMUNICATO STAMPA
Strappati dalla cronaca quotidiana, i lacerti 
della stampa disegnano inedite costellazioni mentali 
e invitano il pubblico volenteroso a misurarsi 
con la sua capacità di interpretare le ragioni 
della sua miserabile irrimediabile passività. 
(Nanni Balestrini, Con gli occhi del linguaggio, 2006) 

La Fondazione Marconi presenta al pubblico una mostra di opere realizzate dall’artista, poeta, romanziere Nanni Balestrini: due nuclei di suoi lavori recenti, entrambi inediti e realizzati per l’occasione. 
Instancabile animatore del Gruppo 63, al quale la Fondazione Marconi ha dedicato lo scorso autunno una retrospettiva, in occasione dei 50 anni dalla sua nascita, Nanni Balestrini è una personalità versatile e complessa, il cui lavoro si pone al confine di molteplici linguaggi. 

Tra i cinque poeti di punta dei Novissimi, l’artista scrittore si distingue per il suo ininterrotto sperimentalismo, sviluppando tecniche riconducibili al collage, oltre che per la diffusa intuizione sull'incidenza del caso nel fare poetico. 

La mostra si articola in due sezioni distinte e parallele, che sono tuttavia chiaramente legate tra loro: come due declinazioni possibili, e in qualche modo complementari, che il suo lavoro propone per dar vita a un intervento complesso con l’universo del “visibile”, inteso come il luogo del nostro incontro totale con il mondo, attraverso le sue configurazioni, potenzialmente infinite, di esistenza concreta. 

Il primo piano è dedicato al ciclo I maestri del colore e riprende in chiave inedita riproduzioni di quadri famosi: grandi icone della storia dell’arte dipinte da Paolo Uccello, Fernand Léger, Paolo Veronese, Eugène Delacroix, El Greco, Pieter Paul Rubens, sulle quali l’artista ha aggiunto segmenti testuali ritagliati, liberamente estrapolati dalla comunicazione mediatica a lui contemporanea, quasi a “misurare” il linguaggio sull’immagine, e viceversa. Un ciclo straordinario, nel quale la “storia” delle immagini si confrontava in tempo reale, in un’interferenza felice e attiva, con la “vicenda” della parola come specchio del divenire sociale e politico e, in senso ancora più esteso, umano. 

Il lavoro ha come prototipo una serie di collage degli anni ’60 basati su immagini tratte dalla raccolta storico-artistica I maestri del colore pubblicata all’epoca dalle edizioni Fratelli Fabbri che Balestrini ha scelto oggi di trasporre su tela alle dimensioni dei dipinti originari, dando vita così a una grande galleria, virtuale e fisica al contempo, emblematica della sua pratica intermediale, costantemente risolta in senso concreto, e spinta dalla “necessità di dominare il visibile” (espressione che ritroviamo proprio in uno dei testi poetici dedicati dall’autore a questo ciclo di opere). 

Qui, a “dominare il visibile” come luogo di possibilità di essere del (e nel) mondo attraverso la creatività come pratica di libertà, è il linguaggio stampato, che filtra l’immagine, proiezione tangibile di un luogo ideale (o meglio, la sua trasposizione visivo-comunicativa attraverso la riproduzione: il museo immaginato), mediata dall’intervento modificatore dell’artista (le filze parolibere). 

Il secondo piano è invece dedicato a un altro ciclo della sua produzione recente, realizzato nell’ultimo anno e totalmente inedito: quello dei Neri, esposti in questa occasione per la prima volta. Si tratta di lavori nei quali Balestrini riformula visivamente uno dei concetti cardine della sua poetica artistica, a tutti i livelli: quello della “distruzione”. Sempre attraverso la tecnica del collage, questi lavori prelevano e ricombinano frammenti decostruiti della comunicazione mediatica presente, secondo traiettorie intrecciate e intermittenti. Questi “paesaggi verbali” vengono però in parte cancellati e “dominati” dalla presenza di larghe macchie nere intenzionalmente libere e incisive, che l’artista vi sovrappone, a problematizzarne ulteriormente la valenza semantica: volendo riprendere una delle frasi che vi si leggono, si può dire che tendano così alla “riproduzione del possibile”. 

I Neri sono accompagnati da un’ambientazione sonora, anch’essa concepita da Balestrini per l’occasione, in cui più voci pronunciano frammenti sconnessi di parole, in una sorta di “impasto” uditivo, ad amplificare in senso totale e immersivo l’idea di distruzione significante sottesa ai quadri stessi. Ne emerge un territorio emotivo-linguistico complesso, retto da un equilibrio espressivo sottilmente dinamico e magmaticamente evocativo che, a differenza dei Maestri del colore, non si fonda più sulla riconoscibilità interferente dei vari elementi (la lettera e l’immagine, ma anche la tecnica esplicita del cut-up che materialmente ne induce la relazione creativa), quanto sul loro intenzionale addensarsi e frammentarsi di una nuova sintassi concreta, tesa al contempo a intuire e a tradurre il collasso comunicativo che connota la nostra epoca ipermediale, in nuovi “luoghi” possibili di relazione. 

Per l’occasione sarà pubblicato il Quaderno della Fondazione n. 13, con un testo di Francesca Pola, illustrato dalle immagini delle opere esposte, e alcuni brani poetici dell’artista. 

Note biografiche 
Nanni Balestrini nasce a Milano nel 1935. Scrive le prime poesie tra il 1953 e il 1956 pubblicandole nella rivista “MAC Espace” di Gillo Dorfles. 

È tra gli animatori della stagione della Neoavanguardia e fa parte dei poeti Novissimi e del Gruppo 63. 
Nel 1961 compone la prima poesia realizzata con un calcolatore IBM a cui farà seguito il romanzo multiplo elettronico Tristano. Nello stesso anno espone i Cronogrammi alla Galleria Ferro di Cavallo di Roma e comincia la sua collaborazione per la casa editrice Feltrinelli. È autore del ciclo di poesie sulla Signorina Richmond e della trilogia di romanzi La Grande Rivolta (Vogliamo tutto, Gli invisibili e L’editore) sulle lotte del movimento negli anni Settanta. 

Svolge un ruolo determinante nella nascita delle riviste di cultura “Il Verri”, “Quindici”, “Alfabeta”, “Zoooom”. Mette a punto contaminazione di sperimentalismo letterario e di estremismo politico, che tuttavia si caratterizza per la coerenza teorica. 
Tra le sue opere più recenti occorre citare: i romanzi Sandokan, storia di camorra (2004) e Carbonia (2013) e le raccolte di versi Caosmogonia (2010) e Antologica. Poesie 1958-2010 (2013). Parallelamente alla produzione letteraria sviluppa un’intensa ricerca in campo visivo, documentata nella monografia Con gli occhi del linguaggio. Partecipa a numerose mostre in Italia e all’estero, nel 1993 è alla Biennale di Venezia, nel 2012 a Documenta di Kassel dove presenta per la prima volta il film, generato attraverso un computer, Tristanoil. Incentrato sul tema della distruzione del pianeta a causa dell’uso predatorio delle sue risorse, Tristanoil rappresenta il capolavoro emblematico del percorso creativo di Nanni Balestrini ed è stato oggetto di una mostra dello stesso anno alla Fondazione Marconi, accompagnata da una serie di opere su tela tratte dalle immagini degli oltre 150 videoclip che vi compaiono assemblati in sequenze da 10 minuti ciascuna. 
L’artista vive e lavora tra Roma e Milano. 

Ufficio stampa: 
Cristina Pariset 
Tel. 02 4812584 - Fax 02 4812486 
cell. 348 5109589 
cristina.pariset@libero.it 

Inaugurazione: 15 aprile 2014 dalle ore 18.00 

Fondazione Marconi Arte moderna e contemporanea 
Via Tadino 15 - 20124 Milano 
Tel. 02 29 41 92 32 - Fax 02 29 41 72 78 
info@fondazionemarconi.org 
www.fondazionemarconi.org 
Inaugurazione: 15 aprile 2014 dalle ore 18.00 
Durata della mostra: dal 16 aprile al 31 maggio 2014 
Orario: martedì - sabato 10-13, 15-19 
Ingresso gratuito