giovedì 28 giugno 2012

CLEMENTE OCHOA sculture monumentali







Aggiungi didascalia







Clemente Ochoa, M


Born in Cascante, Navarra, Spain. After his studies in Pamplona and Zaragoza, he moved to Barcelona in order to pursue his studies in Painting and Sculpture at the Faculty of Fine Arts of Saint George. He has been Professor of Plastic Expression at the Central University of Barcelona.

We could say that when Clemente Ochoa is at the height of his productive stage in his career, he finds himself in his "third day of the creation", of his Universe and his work.

In effect, until now, three stages in the already important project of his work can be distinguished:

_ There is the epoch of academic realism, during which, dedicated to direct forms, he cultivates, above all, pictorial scenery and portraits.

_ The second stage takes us on to a "pyramidal" sculptures where the emerging of the immense is obvius, of the conquest from the ground. The immense torsos,especially those of feminine forms, are completed with small and lyrical delicate heads and the very large bases are decorated with spiritual delicate tracery.

_A third stage is that when geometry and the abstract come to the fore. Now he treats the figures with an elegant style and dynamic forms full of gesture and life.

The work of Clemente Ochoa has been influenced by artists such as Henry Moore, Jorge Oteiza, Chillida, Pablo Serrano and the classical Mediterranean sculpture but he has moulded this into a style which is absolutely personal. He creates geometryc and abstract figures of stainless steel with elegant and dynamic forms full of gesture and life. His sculptures are plenty of splendour and represents the maturity of his work.

He has participated in a large number of exhibitions around Spain.

Abroad he has exhibited in Anvers, Andorra, Antibes, Asti, Béziers, Brussels, Copenhagen, Genève, Grenoble, Den Haag, Jersey, Jutland, La Franqui, Limone Piemonte, London, Lormont, Luxemburg, Monaco, Mont de Marsan, Moncalieri, Montpellier, Munich, Narbonne, New York, Nimes, Osaka, Perpignan, Paris, Port-Bacarès, Sête, Sulmona, Tokio, Toronto, Toulouse, Torino, Utrech, Yokohama.

Clemente Ochoa has received multiple recognitions and awards. Many of his sculptures are installed in public spaces in Spain, America and Europe.

Urban Scupltures

Overcoming. Bronze. Gavà, Barcelona, Spain
Creation. Bronze. Montpellier, France
Allegory. Concrete with glass fiber. Zaragoza, Spain
Bassiano Memorial. Bronze. Murchante, Navarra, Spain
Freedom. Bronze Zaragoza, Spain
Generation. Bronze. Castelldefels, Barcelona, Spain
Malon de Echaide. Bronze. Cascante, Navarra, Spain
Transmitter. Oxidized steel. Barcelona, Spain
Homage to Pau Casals. Bronze. Castelldefels, Barcelona, Spain
Escape. Bronze. Béziers, France
Triumph. Oxidized steel. Canillo, Andorra
Confluences. Oxidized steel. Encamp, Andorra
Olympic. Stainless steel. Castelldefels, Barcelona
Friendship. Stainless steel. Pas de la Casa, Andorra
Impulse. Oxidized steel. Madrid, Spain
Somebody. Bronze. Pamplona, Spain
Flight. Oxidized steel. Madrid, Spain
Landed. Stainless steel. Señorío de Bértiz, Navarra, Spain
Action. Oxidized steel. Lormont, Bordeaux, France
Emancipated. Stainless steel. Sant Rhythm II. Oxidized steel. Barcelona, Spain
Breath. Stainless steel. Castelldefels, Spain
Triumph. Bronze. Canet, France
Delivery. Oxidized steel. Cascante, Navarra
Migrations. Parc-Art Cassà, Girona, Spain
Vigour. Stainless steel. Paret, Barcelona, Spain
Reconciliación. Stainless steel. Tudela, Navarra, Spain
Birds. Stainless steel. Canet, France
Celebrity. Bronze. Pamplona, Spain
Bird. Stainless steel. Castelldefels, Barcelona, Spain
Equilibrium. Bronze. Laussane, Switzerland
Shoot. Bronze. Madrid, Spain
Flight. Oxydized steel. Canet, France
Privilege. Stainless steel. Estella, Navarra, Spain
Cultures. Stainless steel. Tudela, Navarra, Spain
Meeting. Bronze. Pamplona, Spain
Agreement. Oxidized steel. Los Cristianos, Tenerife, Spain
Dialogue. Oxidized steel. Los Cristianos, Tenerife, Spain
Flights. Steel. Barcelona, Spain
Germination. Stainless steel. Dubai, EAU
Flight of the Industry. Stainless steel. Al-Qaiwain, UAE


Work in museums and in public collections

Modern Art Museum. Lanzarote, Spain
Vence Municipal Collection. Vence, France
Hispanic Studies Institute. Tenerife, Spain
Contemporany Art Museum. Villafamés, Spain
Municipal Museum. Limone Piamonte, Italy
Modern Art Museum. Tarragona, Spain
Goya Museum. Fuendetodos, Zaragoza, Spain
Studies Institute of Lleida. Lleida, Spain
Zabaleta Museum. Quesada, Jaén, Spain
Provincial Museum. Navarra, Spain
CAMP Collection. Pamplona, Spain
Modern Art Museum. Sumone, Italy
Rocsen Museum. Nono, Argentina
Fine Arts Museum. Zaragoza, Spain
Calahorra Museum. Calahorra, Spain
Parliament of Navarra, Spain
Provincial Palace. Jaén, Spain
La Rioja Museum. Logroño, Spain
Fine Arts Museum. Santa Cruz de Tenerife, Spain
A. Arduino Centre. Moncalieri, Torino, Italy
International Olympic Comité. Laussane, Switzerland

Awards and disttinctions

Member of Saint Marc International Academy, Italy
ACCA Miami, USA
Villahermosa Prize. Fine Arts Museum, Zaragoza, Spain
Artesport Prize. Bilbao, Spain
Napolitan October Mention, Italy
Ville de Vence Prize, France
Arte e Cultura Prize, Italy
Atenea de Oro. Torino, Italy
Targa Europea. Roma, Italy
Montpellier Medal, France
ll Award of the Xth Biennial of the Sports in the Fine Arts. Barcelona 92, Spain
Zahorí de Plata 1998. Navarra, Spain



Lo conobbi a Sulmona quando venne ad esporre le sue opere assieme ai PRESENTEISTI, un movimento artistico ideato da Alessandro Piccinini negli anni settanta che eveva raggruppato intorno a se artisti europei di diverse nazioni.


                  OPERE  MONUMENTALI

Barcellona 1

Barcellona 2

Barcellona 5

Bertiz

Canet 1

Canet 2

Canet

Cascante

Cassa

Castelldefels 1

Castelldefels 4

Castelldefels 5

Castelldefels 6


mercoledì 27 giugno 2012

lunedì 25 giugno 2012

Ricordi di scuola: Davanti San Guido


Davanti a San Guido
(Giosué Carducci - ) 

I cipressi che a Bólgheri alti e schietti
Van da San Guido in duplice filar,
Quasi in corsa giganti giovinetti 
Mi balzarono incontro e mi guardar. 

Mi riconobbero, e— Ben torni omai —
Bisbigliaron vèr' me co 'l capo chino — 
Perché non scendi ? Perché non ristai ? 
Fresca è la sera e a te noto il cammino. 

Oh sièditi a le nostre ombre odorate
Ove soffia dal mare il maestrale:
Ira non ti serbiam de le sassate
Tue d'una volta: oh non facean già male! 

Nidi portiamo ancor di rusignoli:
Deh perché fuggi rapido cosí ? 
Le passere la sera intreccian voli
A noi d'intorno ancora. Oh resta qui! — 

— Bei cipressetti, cipressetti miei,
Fedeli amici d'un tempo migliore,
Oh di che cuor con voi mi resterei—
Guardando lor rispondeva — oh di che cuore ! 

Ma, cipressetti miei, lasciatem'ire:
Or non è piú quel tempo e quell'età.
Se voi sapeste!... via, non fo per dire,
Ma oggi sono una celebrità. 

E so legger di greco e di latino,
E scrivo e scrivo, e ho molte altre virtú:
Non son piú, cipressetti, un birichino,
E sassi in specie non ne tiro piú. 

E massime a le piante. — Un mormorio
Pe' dubitanti vertici ondeggiò
E il dí cadente con un ghigno pio
Tra i verdi cupi roseo brillò. 

Intesi allora che i cipressi e il sole
Una gentil pietade avean di me,
E presto il mormorio si fe' parole:
— Ben lo sappiamo: un pover uom tu se'.
 
Ben lo sappiamo, e il vento ce lo disse
Che rapisce de gli uomini i sospir,
Come dentro al tuo petto eterne risse
Ardon che tu né sai né puoi lenir. 

A le querce ed a noi qui puoi contare
L'umana tua tristezza e il vostro duol.
Vedi come pacato e azzurro è il mare,
Come ridente a lui discende il sol!





Inizio della strada San Guido / Bolgheri

Autostrada Nuova Aurelia e sullo sfondo la linea ferroviaria

Viale san Guido con i cipressi  "in duplice filar quasi in corsa giganti giovinetti"

san Guido

Viale san Guido


Viale san Guido


E come questo occaso è pien di voli,
Com'è allegro de' passeri il garrire!
A notte canteranno i rusignoli:
Rimanti, e i rei fantasmi oh non seguire;

I rei fantasmi che da' fondi neri
De i cuor vostri battuti dal pensier
Guizzan come da i vostri cimiteri
Putride fiamme innanzi al passegger.

Rimanti; e noi, dimani, a mezzo il giorno,
Che de le grandi querce a l'ombra stan
Ammusando i cavalli e intorno intorno
Tutto è silenzio ne l'ardente pian,

Ti canteremo noi cipressi i cori
Che vanno eterni fra la terra e il cielo:
Da quegli olmi le ninfe usciran fuori
Te ventilando co 'l lor bianco velo;

E Pan l'eterno che su l'erme alture
A quell'ora e ne i pian solingo va
Il dissidio, o mortal, de le tue cure
Ne la diva armonia sommergerà. —

Ed io—Lontano, oltre Apennin, m'aspetta
La Tittí — rispondea; — lasciatem'ire.
È la Tittí come una passeretta, 
Ma non ha penne per il suo vestire. 

E mangia altro che bacche di cipresso; 
Né io sono per anche un manzoniano
Che tiri quattro paghe per il lesso.
Addio, cipressi! addio, dolce mio piano! — 

— Che vuoi che diciam dunque al cimitero
Dove la nonna tua sepolta sta? — 
E fuggíano, e pareano un corteo nero
Che brontolando in fretta in fretta va. 


Il castello di Bolgheri in fondo al viale

Castello di Bolgheri









Chiesa di Sant'Antonio




Viale San Guido




Di cima al poggio allor, dal cimitero,
Giú de' cipressi per la verde via,
Alta, solenne, vestita di nero
Parvemi riveder nonna Lucia: 

La signora Lucia, da la cui bocca,
Tra l'ondeggiar de i candidi capelli,
La favella toscana, ch'è sí sciocca
Nel manzonismo de gli stenterelli,

Canora discendea, co 'l mesto accento 
De la Versilia che nel cuor mi sta,
Come da un sirventese del trecento,
Piena di forza e di soavità. 

O nonna, o nonna! deh com'era bella
Quand'ero bimbo! ditemela ancor,
Ditela a quest'uom savio la novella
Di lei che cerca il suo perduto amor! 

— Sette paia di scarpe ho consumate
Di tutto ferro per te ritrovare: 
Sette verghe di ferro ho logorate
Per appoggiarmi nel fatale andare: 

Sette fiasche di lacrime ho colmate,
Sette lunghi anni, di lacrime amare:
Tu dormi a le mie grida disperate,
E il gallo canta, e non ti vuoi svegliare. 

— Deh come bella, o nonna, e come vera
È la novella ancor! Proprio cosí.
E quello che cercai mattina e sera
Tanti e tanti anni in vano, è forse qui,

Sotto questi cipressi, ove non spero, 
Ove non penso di posarmi piú: 
Forse, nonna, è nel vostro cimitero 
Tra quegli altri cipressi ermo là su. 

Ansimando fuggía la vaporiera
Mentr'io cosí piangeva entro il mio cuore;
E di polledri una leggiadra schiera
Annitrendo correa lieta al rumore.
 
Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo 
Rosso e turchino, non si scomodò: 
Tutto quel chiasso ei non degnò d'un guardo
E a brucar serio e lento seguitò.



Via Bolgherese

Via Bolgherese




domenica 24 giugno 2012

Documenti per viaggiare



            I documenti necessari per il viaggio sono diversi e vanno distinti in base alla destinazione del viaggio.


·                                 Nel caso si viaggi sul territorio nazionale, è sufficiente l'esibizione di uno dei documenti di identificazione specificamente indicati all'articolo 35, comma 2, del Decreto del Presidente della Repubblica nr. 445 del 28 dicembre 2000 ("Sono equipollenti alla carta di identità il passaporto, la patente di guida, la patente nautica, il libretto di pensione, il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici, il porto d'armi, le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un'amministrazione dello Stato").
·         
                                 Nel caso di viaggi in Stati Schengen o in Paesi esteri extra-Schengen, l'interessato deve sempre essere in possesso di un documento riconosciuto valido per l'attraversamento delle frontiere.
·                                 Nel dettaglio, i documenti riconosciuti validi per l'attraversamento delle frontiere sono:

a) la carta d'identità valida per l'espatrio, cosi come specificamente previsto dall'articolo 3, del TULPS;

b) il passaporto, rilasciato ai sensi della legge 21 novembre 1967, n. 1185 e successive modificazioni (ovvero i documenti equipollenti ad esso, quali, ad esempio, il passaporto collettivo,disciplinato dall'articolo 20 della medesima fonte normativa);














c) diverso documento di viaggio specificamente riconosciuto dallo Stato di destinazione; nel caso dell'Italia, sono riconducibili a tale ultima categoria le tessere personali di riconoscimento rilasciate ai sensi del D.P.R. 28.07.1967, n. 851, (ai dipendenti civili dello Stato nonché ai militari, tessere AT/BT), nonché il c.d. lasciapassare per minore di anni quindici, specificamente previsto dall'Accordo europeo sulla circolazione delle persone fra i Paesi membri del Consiglio d'Europa, concluso a Parigi il 13 dicembre 1957, vidimato dalle Questure, secondo le disposizioni in materia di passaporto.
Con specifico riguardo alla circolazione nello Spazio UE, SEE e CH, occorre precisare che:
            Dalla lettura del Manuale pratico delle guardie di frontiera (c.d.Manuale Schengen) emerge che i cittadini UE, SEE e CH possono circolare nello spazio UE, SEE e CH qualora la loro identità sia stata accertata mediante l'esibizione della carta d'identità valida per l'espatrio, del passaporto (o documento equipollente) ovvero di diverso documento di viaggio specificamente riconosciuto dallo Stato di destinazione (come ad esempio,tessere AT/BT e lasciapassare per minore di anni quindici).
            Sulla stessa linea, sono le indicazioni contenute nella direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, concernente il diritto dei cittadini dell'Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri; all'articolo 4, viene, infatti, precisato che il cittadino dell'UE munito di una carta d'identità o di un passaporto in corso di validità ha il diritto di lasciare il territorio dello Stato membro per recarsi sul territorio di un altro Stato membro. Tale direttiva è stata recepita dall'Italia con il novellato decreto legislativo 6 febbraio 2007, n. 30.

Sul sito Viaggiare sicuri che è a cura del Ministero Affari Esteri, si possono avere informazioni utili sul Paese che si intende visitare e il titolo di viaggio necessario.

venerdì 15 giugno 2012

Le pagine più viste


Titoli
   Postate
    Visite

08/apr/2011
162

16/apr/2011
109

09/feb/2012
96

22/gen/2012
50

29/dic/2011
45

05/feb/2012
24



                             

TOP TEN DEI POST PIU’ VISUALIZZATI

             
POST
POSTATO
PAGINE
22/07/2011
375

15/02/2012,
353
Un sorriso per il giappone al Venezia di Ostia Lid

22/07/2011
317

12/04/2011
206

06/06/2011
182

28/05/2011
162

05/07/2011
150

07/03/2012,
112
01/12/2011
109
01/02/2012
101
                   

Prima personale in un'istituzione italiana dell'artista Remco Torenbosch


  
THE BLANK RESIDENCY



inaugurazione giovedì 14 giugno | ore 18.30 | a cura di stefano raimondi, paola tognon, elisabetta brignoli | project manager cristina rota | gamec | bergamo


THE BLANK ARTIST IN RESIDENCE - Fondazione Banca Popolare di Bergamo, è il progetto di residenza per artisti a Bergamo ideato da The Blank in collaborazione con l'Accademia Carrara di Belle Arti e la GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, e realizzato grazie al supporto della Fondazione Banca Popolare di Bergamo, del Consolato Generale dei Paesi Bassi di Milano e dell'Ambasciata dei Paesi Bassi di Roma.

L'artista ospite di questa prima residenza è l'olandese Remco Torenbosch, classe 1982: con il suo lavoro, l'artista esplora i processi socio culturali, le convenzioni economiche e la condivisione di informazioni, restituendo la complessità del sistema, con opere essenziali di immediata efficacia.
Da aprile a giugno 2012 Remco Torenbosch ha vissuto e lavorato a Bergamo, nella casa e nello studio messi a disposizione da The Blank, in relazione con il territorio e con gli enti coinvolti nel programma.
Nel mese di maggio, l'artista ha tenuto un seminario per gli studenti dell'Accademia Carrara di Belle Arti, Between Act and Protest: Building the New Economy. Il workshop della durata di due giorni è stato incentrato sulla possibilità di costruire un'economia alternativa proprio grazie alle arti visive. La riflessione sul tema si è conclusa con la presentazione da parte degli studenti di idee e prototipi creativi per una nuova economia.

A conclusione dei tre mesi che l'artista ha trascorso in residenza a Bergamo grazie al progetto The Blank Artist in Residence - Fondazione Banca Popolare di Bergamo, la GAMeC, Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea dal 14 giugno ospiterà la mostra EUROPA, prima personale in un'istituzione italiana dell'artista Remco Torenbosch.

All'interno dello Spazio Palestra della GAMeC, e con un'operazione di diffusione in altri spazi della città di Bergamo, compresa la stessa residenza The blank, Remco Torenbosch rappresenta una varietà critica di situazioni e pensieri. Tutte le opere che compongono l'intero progetto sono una riflessione sulla situazione e sul cambiamento politico e socio-economico cui l'Europa è stata recentemente soggetta.
Nella mostra si inserisce anche l'azione attiva di una camminata collettiva e Walking Manifesto prevista per Sabato 16 giugno alle ore 10.00 in dialogo con l'artista. Una camminata di gruppo da Lonno a Salmezza (Provincia di BG) che proprio ripercorrendo il primo tratto dell'antica Via Mercatorum vuole indicare una diversa e possibile attenzione dell'uomo all'ambiente e al contesto in cui vive.
La riflessione e l'opera di Torenbosch indagano il linguaggio e le manifestazioni attraverso le quali una comunità e un continente si dichiarano, si rappresentano e si mettono in discussione mediante la consapevolezza dei riferimenti storici e contemporanei. Nell'ambito di questa ricerca, egli intende analizzare la situazione attuale nella logica di una dimensione e una prospettiva più umana, sottolineando l'importanza della cura e dell'azione.
Torenbosch in particolare esplora le condizioni sociali concentrandosi sulle relazioni e sui gesti nel settore pubblico dei diversi contesti culturali. All'interno di questo processo, l'artista contestualizza e ricontestualizza queste condizioni in una dimensione fisica e concettuale. Il suo lavoro sonda la grandezza e la complessità della realtà stessa con la propensione umanistica e le essenziali qualità formali che lo distinguono.

Nel 2011 l'associazione culturale The Blank - Bergamo Contemporary Art, all'interno del suo progetto di promozione e diffusione dell'arte contemporanea a Bergamo, ha attivato il programma residenze The Blank Residency, il primo programma di residenze per artisti e autori internazionali a Bergamo.
Il progetto, a cura di Stefano Raimondi, Paola Tognon, Elisabetta Brignoli e coordinato da Cristina Rota, prevede la strutturazione di residenze in grado di accogliere più progetti, offrendo ad artisti italiani e stranieri spazio e relazioni per l'elaborazione di ricerche artistiche, pratiche e teoriche in relazione con il al territorio.



THE BLANK RESIDENCY
Dal 15 giugno al 30 settembre 2012
Remco Torenbosch, EUROPA
GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea Bergamo - Spazio Palestra
Orari di apertura Spazio Palestra: martedì - domenica: 10.00 - 19.00 / lunedì chiuso. Ingresso libero
Sabato 16 giugno, ore 10.00
Camminata collettiva e Walking Manifesto da Lonno a Salmezza (Nembro, BG) - durata 120'
Per info: Cristina Rota +39 3394445029

The Blank Residency / Bergamo
Via G. Quarenghi 50, 24122, Bergamo
info@theblankresidency.it
www.theblankresidency.it


Immagine: Remco Torenbosch, European conceptualization in analytical philosophy on history and present (study material), 2012